Il bello di esserci e di scegliere (Elezioni amministrative 2017, e risultati)

[post in aggiornamento]

Confermato il ballottaggio a Monza, con una differenza davvero sottile di voti tra Dario Allevi che ha ottenuto il 39.84% dei voti e Roberto Scanagatti che ha incassato il 39.91% dei voti. Il primo dato inizialmente in vantaggio risulta, dopo una correzione aritmetica dei dati da parte del ministero dell’Interno, in svantaggio di soli 35 voti rispetto al sindaco uscente. Le liste di sostegno ad Allevi, una coalizione di centrodestra, ha ottenuto però più voti delle liste di centrosinistra di Scanagatti. Tra due settimane la sfida sarà sicuramente interessante.

La Brianza si sveglia con quattro nuovi sindaci eletti: a Carnate, la battaglia è stata all’ultima scheda e alla fine la differenza è di 39 voti, a favore del sindaco uscente Daniele Nava, rispetto a Mauro Spialtini.

Lesmo, Roberto Antonioli ottiene il 58,05% dei voti (il candidato di centrodestra Alberto Grisi si ferma al 41,94%).

I cittadini di Sulbiate hanno scelto Carla Della Torre, eletta con il 58,73% dei voti, con un netto distacco sull’ex sindaco e candidato di Sulbiate Insieme, Maurizio Stucchi, che ha ottenuto il 41,26% delle preferenze.

La candidata di centrodestra Laura Ferrari conquista a Lentate il 62,69%, distanziando così di molto il suo avversario Marco Cappelletti.

Si va a ballottaggio a Lissone, tra Fabio Meroni (per il momento avanti di due punti percentuali) e Concetta Monguzzi; a Meda, dove la sfida sarà tra Luca Santambrogio e Gianni Caimi e a Cesano Maderno, tra Maurilio Longhin e Luca Bosio.

 

AFFLUENZA – Le percentuali definitive (dati Ministero dell’Interno), dicono che hanno votato il 51,92% degli aventi diritto a Monza56,66% a Carnate, il 52,04% a Cesano Maderno, il 52,65% a Lentate sul Seveso, il 48,17% a Lesmo, il 50,20% a Lissone, il 53,71% a Meda e il 55,19% a Sulbiate.

 

 

A lungo ci siamo interrogati su quale fosse l’occasione migliore per inaugurare questo nuovo spazio. Alla fine per una serie di coincidenze, la scelta è caduta su domenica 11 giugno, quando molti comuni brianzoli (e il capoluogo di provincia) sono chiamati alle urne. 

Questo angolo di web che abbiamo voluto chiamare Brianza Tu comincia dunque a svelarsi in una giornata che rappresenta il bello di esserci, per chi per una ragione o per l’altra ha voluto metterci il suo impegno, comunque vada, e il bello di scegliere.

Anche noi abbiamo deciso che è bello esserci, con un (non) luogo in cui raccontare quel che ci succede intorno a due voci e quattr’occhi, tastiera e macchina fotografica. Di che si tratta, lo scoprirete man mano, senza fretta.

Intanto cominciamo da qui.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *